.
Annunci online

  laverita [ La mia Verità su MusicaCinemaLibri ]
         

Add to Technorati Favorites


Album recensiti:

AMORPHIS - Silent Waters
AT THE DRIVE-IN - Relationship of command
CIRCUS MAXIMUS - 1st Chapter
CIRCUS MAXIMUS - Isolate
DREAM THEATER - Metropolis pt.II: Scenes from a memory
DREDG - Catch without arms
EMERSON, LAKE & PALMER - Brain Salad Surgery
KING CRIMSON - In the court of the crimson king
MANOWAR - Gods of War
MARILLION - Anoraknophobia
MARILLION - Brave
MISANTHROPE - Visionnaire
MUSE - Black holes and revelations
ORPHANED LAND - Mabool
PORCUPINE TREE - The Incident
QUEENSRYCHE - Empire
QUEENSRYCHE - Hear in the now frontier
RAMMSTEIN - Mutter
SETH LAKEMAN - Freedom fields
SNOW PATROL - Eyes open
TESTAMENT - the Gathering
THE FRATELLIS - Costello music
THE TEA PARTY - Tangents: The Tea Party collection
TOOL - Lateralus
THRICE - Veisshu
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA - Christmas Eve and other stories/The Christmas attic
WARREL DANE - Praises to the war machine


Film recensiti:

300
V per Vendetta


Libri recensiti:

FEDERICO BUFFA - Black Jesus
LUIGI GUARNIERI - I Sentieri del cielo
STEPHEN KING - La storia di Lisey
THOMAS MANN - I Buddenbrook




Creative Commons License
I contenuti inediti di questo blog sono pubblicati
sotto una Licenza Creative Commons


Le tracce che ho ascoltato recentemente:





Il mondo è diverso, se lo vivi di traverso ;-)












free counters


28 luglio 2008

QUEENSRYCHE - Hear in the now frontier (1997)



Sono dei Queensryche in pieno caos transizionale quelli di Hear in the now frontier. Spogliatisi di gran parte della complessità compositiva di matrice prog, ritrovato un sound più rock dopo l'escursione quasi pop di Promised Land, lo stile diventa qui più asciutto, diretto e ruvido e le canzoni si accorciano in durata. Chiari i riferimenti a quell'alternative rock quasi post-grunge che furoreggiava ai tempi, ma la band di Seattle non possiede nessuno dei difetti che il grunge elevò a virtù - limitate capacità tecniche e compositive, approccio depresso e deprimente - e il risultato è un album che non riesce ad essere credibile nè se inserito in un contesto più mainstream, nè ancora di più se valutato come il nuovo lavoro di una band di classe come i Queensryche. Persino Geoff Tate risulta autore di una prova vocale assolutamente mediocre, costretto com'è a muoversi in canzoni  dalla struttura piatta, che mortificano le sue immense qualità.
Nonostante tutto ciò, la classe e il talento dei 'ryche sono tali da riuscire a produrre qualcosa di buono anche in un contesto simile: l'opener Sign of the times è indubbiamente un pezzo più che discreto, al pari di Saved, e con Hero e soprattutto SpOOL si sentono echi dei Queensryche sperimentatori e progressive dei bei tempi. Non è probabilmente sufficiente a salvare l'album dalla mediocrità, ma in questo caso bisogna accontentarsi.



sfoglia     maggio        ottobre
 


Ultime cose
Il mio profilo



MOTOCLUB TING'AVERT
STEPHEN KING
HOOPSFANFORUM/Toronto Rptors
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA
RAMMSTEIN
MARILLION
AT THE DRIVE-IN
DREAM THEATER
DREDG
KING CRIMSON
MUSE
ORPHANED LAND
QUEENSRYCHE
SETH LAKEMAN
SNOW PATROL
THE FRATELLIS
THE TEA PARTY
THRICE


Blog letto 76219 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom