.
Annunci online

  laverita [ La mia Verità su MusicaCinemaLibri ]
         

Add to Technorati Favorites


Album recensiti:

AMORPHIS - Silent Waters
AT THE DRIVE-IN - Relationship of command
CIRCUS MAXIMUS - 1st Chapter
CIRCUS MAXIMUS - Isolate
DREAM THEATER - Metropolis pt.II: Scenes from a memory
DREDG - Catch without arms
EMERSON, LAKE & PALMER - Brain Salad Surgery
KING CRIMSON - In the court of the crimson king
MANOWAR - Gods of War
MARILLION - Anoraknophobia
MARILLION - Brave
MISANTHROPE - Visionnaire
MUSE - Black holes and revelations
ORPHANED LAND - Mabool
PORCUPINE TREE - The Incident
QUEENSRYCHE - Empire
QUEENSRYCHE - Hear in the now frontier
RAMMSTEIN - Mutter
SETH LAKEMAN - Freedom fields
SNOW PATROL - Eyes open
TESTAMENT - the Gathering
THE FRATELLIS - Costello music
THE TEA PARTY - Tangents: The Tea Party collection
TOOL - Lateralus
THRICE - Veisshu
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA - Christmas Eve and other stories/The Christmas attic
WARREL DANE - Praises to the war machine


Film recensiti:

300
V per Vendetta


Libri recensiti:

FEDERICO BUFFA - Black Jesus
LUIGI GUARNIERI - I Sentieri del cielo
STEPHEN KING - La storia di Lisey
THOMAS MANN - I Buddenbrook




Creative Commons License
I contenuti inediti di questo blog sono pubblicati
sotto una Licenza Creative Commons


Le tracce che ho ascoltato recentemente:





Il mondo è diverso, se lo vivi di traverso ;-)












free counters


24 novembre 2006

THE FRATELLIS - Costello Music (2006)



Ma che gran bell'album! La buona musica si può anche nascondere dietro monicker improbabili e copertine mediamente anonime. I tre scozzesi si muovono su sonorità indie e presentano un chiaro background ska-punk, pur essendo riusciti a creare uno stile molto personale ed efficacissimo. Canzoni che vanno a mille all'ora, permeate da un'allegria rara di questi tempi, cori stupidissimi e proprio per questo estremamente azzeccati, ritmi frenetici e ricchi di stoppate, in generale una attitudine fun che riesce a mettere di buon umore dopo pochi minuti di ascolto, ed a volte un po' di spensieratezza musicale è esattamente quello che ci vuole. L'album si mantiene su alti livelli lungo tutta la sua durata, non esistono cali di tensione e di riempitivi non se ne vede l'ombra. Picchi sono costituiti dalla ormai stra-famosa Chelsea Dagger, dalla opener Henrietta, da For the Girl (forse la migliore del lotto), ma è onestamente difficile estrapolare qualche episodio da un lavoro ricco di potenziali singoli. Pur essendo musica facile e diretta, ogni canzone è chiaramente baciata in fronte da una straordinaria ispirazione, quella stessa che si nasconde dietro il successo di ogni album pop di valore, e cioè la capacità di tirare fuori il bello tramite la semplicità. I Fratellis suonano in una maniera tutta loro, che è come forse potrebbero fare dei Mighty Mighty Bosstones in un periodo di esaltazione per gli anni '50, meno ska e più rock ed estremamente più allegri. A volte ricordano anche i nostrani Oliver Onions, con i quali condividono la stessa passione per la canzonetta quasi da luna-park e la stessa geniale stupidità di alcuni pezzi, sia nelle liriche che nelle musiche. In conclusione, un album da ascoltare e riascoltare, divertente dal primo all'ultimo minuto, stupido ma di proposito, un toccasana contro le brutture della quotidianità.





permalink | inviato da il 24/11/2006 alle 10:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia            dicembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



MOTOCLUB TING'AVERT
STEPHEN KING
HOOPSFANFORUM/Toronto Rptors
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA
RAMMSTEIN
MARILLION
AT THE DRIVE-IN
DREAM THEATER
DREDG
KING CRIMSON
MUSE
ORPHANED LAND
QUEENSRYCHE
SETH LAKEMAN
SNOW PATROL
THE FRATELLIS
THE TEA PARTY
THRICE


Blog letto 76221 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom