.
Annunci online

  laverita [ La mia Verità su MusicaCinemaLibri ]
         

Add to Technorati Favorites


Album recensiti:

AMORPHIS - Silent Waters
AT THE DRIVE-IN - Relationship of command
CIRCUS MAXIMUS - 1st Chapter
CIRCUS MAXIMUS - Isolate
DREAM THEATER - Metropolis pt.II: Scenes from a memory
DREDG - Catch without arms
EMERSON, LAKE & PALMER - Brain Salad Surgery
KING CRIMSON - In the court of the crimson king
MANOWAR - Gods of War
MARILLION - Anoraknophobia
MARILLION - Brave
MISANTHROPE - Visionnaire
MUSE - Black holes and revelations
ORPHANED LAND - Mabool
PORCUPINE TREE - The Incident
QUEENSRYCHE - Empire
QUEENSRYCHE - Hear in the now frontier
RAMMSTEIN - Mutter
SETH LAKEMAN - Freedom fields
SNOW PATROL - Eyes open
TESTAMENT - the Gathering
THE FRATELLIS - Costello music
THE TEA PARTY - Tangents: The Tea Party collection
TOOL - Lateralus
THRICE - Veisshu
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA - Christmas Eve and other stories/The Christmas attic
WARREL DANE - Praises to the war machine


Film recensiti:

300
V per Vendetta


Libri recensiti:

FEDERICO BUFFA - Black Jesus
LUIGI GUARNIERI - I Sentieri del cielo
STEPHEN KING - La storia di Lisey
THOMAS MANN - I Buddenbrook




Creative Commons License
I contenuti inediti di questo blog sono pubblicati
sotto una Licenza Creative Commons


Le tracce che ho ascoltato recentemente:





Il mondo è diverso, se lo vivi di traverso ;-)












free counters


24 dicembre 2006

TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA - Christmas Eve and other stories/The Christmas Attic (1996-1998)



Il consiglio è sempre quello di fuggire gli album natalizi come la peste ma se a casa vostra proprio non si può fare a meno di mettere su un po' di musica a tema durante le feste e siete stufi marci di Gloria Estefan e Mariah Carey (e come darvi torto), ecco che questi due album dei Trans-Siberian Orchestra potrebbero venirvi in aiuto.

Christmas Eve and other stories
è datato 1996 ed è il primo prodotto di questo ensemble che unisce produttore ed alcuni membri dei Savatage ad una orchestra di 60 elementi. Il gruppo ha avuto un notevole successo negli Stati Uniti, paese che sotto Natale vede il fiorire di un numero pressocchè infinito di uscite a tema, a dire il vero spesso di qualità infima. Le varie canzoni di Christmas Eve and other stories, riarrangiamenti di famosi pezzi della tradizione americana (come O come ye all faithfull, The first Noel, O Holy Night) e riproposizioni rock di composizioni di musica classica, sono unite da un unico filo conduttore, una storia ovviamente a tema natalizio, peraltro abbastanza toccante e ben raccontata, e si rivelano invece una piacevole sorpresa, che riuscirà a mettere d'accordo rockettari  e non. Si tratta infatti di musica ottimamente suonata e riarrangiata in maniera estremamente personale, con temi musicali notissimi che vengono qui riproposti in una veste inedita, per un prodotto finale raffinato e gradevole. A dir la verità questo non è un album propriamente merry, a prevalere è piuttosto una atmosfera di sacralità quasi religiosa, si nota che il background dei musicisti coinvolti non è nel pop superficiale ma in un più profondo rock-metal concettuale, che impedisce loro di lasciarsi andare a canzoncine spensierate anche quando l'occasione l'avrebbe probabilmente consigliato. L'album è comunque estremamente gradevole e riusulta piacevolmente ascoltabile anche al di fuori del periodo festivo, per dei contenuti musicali che restano solidi anche se estrapolati dal loro contesto tematico.

Il secondo album contenuto in questo doppio cd (la cui reperibilità in Italia credo sia ormai abbastanza complicata) è The Christmas Attic, seconda opera della Trans-Siberian del 1998, ideale continuazione del discorso cominciato con l'album precedente. Lo stile è fondamentalmente lo stesso ma qui le atmosfere sono meno impegnate, meno seriose, pur mantenendo elevata la qualità generale. Si tratta sempre di ottimo soft rock orchestrale, con numerosi cantanti a scambiarsi il microfono e a cimentarsi con le musiche tradizionali natalizie. Anche in questa occasione sono presenti alcuni pezzi strumentali di pregevole fattura, a conferma della sapienza compositiva dei componenti l'ensemble.

Per evitare di prenderci in giro bisogna comunque ammettere che questi due album sono indubbiamente una operazione commerciale (ma quale non lo è?) rivolta principalmente al mercato statunitense, che sembra gradire in modo particolare questo tipo di prodotti, ma non sono per questo da accantonare, in quanto della ottima musica si nasconde tra i solchi digitali di questi due cd.






permalink | inviato da il 24/12/2006 alle 23:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


sfoglia     novembre        marzo
 


Ultime cose
Il mio profilo



MOTOCLUB TING'AVERT
STEPHEN KING
HOOPSFANFORUM/Toronto Rptors
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA
RAMMSTEIN
MARILLION
AT THE DRIVE-IN
DREAM THEATER
DREDG
KING CRIMSON
MUSE
ORPHANED LAND
QUEENSRYCHE
SETH LAKEMAN
SNOW PATROL
THE FRATELLIS
THE TEA PARTY
THRICE


Blog letto 76248 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom