.
Annunci online

  laverita [ La mia Verità su MusicaCinemaLibri ]
         

Add to Technorati Favorites


Album recensiti:

AMORPHIS - Silent Waters
AT THE DRIVE-IN - Relationship of command
CIRCUS MAXIMUS - 1st Chapter
CIRCUS MAXIMUS - Isolate
DREAM THEATER - Metropolis pt.II: Scenes from a memory
DREDG - Catch without arms
EMERSON, LAKE & PALMER - Brain Salad Surgery
KING CRIMSON - In the court of the crimson king
MANOWAR - Gods of War
MARILLION - Anoraknophobia
MARILLION - Brave
MISANTHROPE - Visionnaire
MUSE - Black holes and revelations
ORPHANED LAND - Mabool
PORCUPINE TREE - The Incident
QUEENSRYCHE - Empire
QUEENSRYCHE - Hear in the now frontier
RAMMSTEIN - Mutter
SETH LAKEMAN - Freedom fields
SNOW PATROL - Eyes open
TESTAMENT - the Gathering
THE FRATELLIS - Costello music
THE TEA PARTY - Tangents: The Tea Party collection
TOOL - Lateralus
THRICE - Veisshu
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA - Christmas Eve and other stories/The Christmas attic
WARREL DANE - Praises to the war machine


Film recensiti:

300
V per Vendetta


Libri recensiti:

FEDERICO BUFFA - Black Jesus
LUIGI GUARNIERI - I Sentieri del cielo
STEPHEN KING - La storia di Lisey
THOMAS MANN - I Buddenbrook




Creative Commons License
I contenuti inediti di questo blog sono pubblicati
sotto una Licenza Creative Commons


Le tracce che ho ascoltato recentemente:





Il mondo è diverso, se lo vivi di traverso ;-)












free counters


1 maggio 2008

TOOL - Lateralus (2001)




Cosa dire dei Tool... Concettuali, progressivi, complessi, moderni, geniali; ma anche pesanti, psicotici, angoscianti, contorti, involuti.
Di difficilissima assimilazione, a cominciare dagli enigmatici artwork, integrazione non trascurabile del messaggio musicale, e proseguendo con i video, estremamente curati e indiscutibilmente folli, gli album dei Tool, più che normali composizioni musicali, sono vere e proprie installazioni di arte moderna, esperienze sonore a più strati che si prestano a molte interpretazioni e a vari livelli di approfondimento.
Lateralus non fa eccezione. La complessità concettuale di questo album è sconcertante, basti accennare che l'album è permeato da una logica matematica - la cosiddetta geometria sacra, di cui il batterista Danny Carey è un appassionato - e nasconde, per chi ha la voglia e la pazienza di seguirne le contorsioni, conclusioni filosofiche non propriamente banali. Come esempio di questo legame tra matematica e musica citiamo l'utilizzo, nella title-track, della famosa serie di Fibonacci, in cui ogni elemento è pari alla somma  dei due precedenti, come schema di base per la batteria, con Corey che riproduce la serie fino al numero 13 per poi ricominciare da capo,  e per il testo - Black (1) Then (1) White are (2) All I see (3) in my infancy (5) Red and yellow then came to be (8) Reachin out to me (5) Lets me see (3).
A partire da questo e altri indizi e seguendo un ragionamento logico-matematico troppo complesso per essere qui riportato, alcuni fan sono arrivati a riposizionare le canzoni dell'album secondo un ordine diverso, che effettivamente sembra avere molto più senso, sia musicalmente che liricalmente - provare per credere, programmando il lettore secondo questo nuovo elenco: 6,7,5,8,4,9,3,10,2,11,1,12,13.

Lasciando ad ognuno la scelta di se continuare o meno nell'approfondimento del messaggio che i Tool hanno voluto nascondere in Lateralus e volendoci soffermare esclusivamente sull'aspetto musicale, questa opera riesce a stupire per la sua complessità anche sotto questo punto di vista. Canzoni lunghe e cupe, atmosfere dilatate ai limiti dello stoner (la title-track), tempi non comuni e a tratti assurdi (il 5/4 di the Grudge o il caos ordinato di Schism, che varia dai 12/8 ai 5/4 passando per qualsiasi altro tempo dispari o composto), dissonanze, interferenze sonore ai limiti del noise e su tutto il cantato disturbato e angosciante di un Keenan in forma straordinaria. Il sound è di una pesantezza estrema, non tanto e non solo a causa di una sezione ritmica a tratti tellurica, come in Ticks & Leeches o the Grudge, ma più in generale per l'aria che si respira lungo tutti gli 80 minuti dell'album, in cui rabbia, disperazione e alienazione si rincorrono prendendo allo stomaco l'ascoltatore, con la soffusa Reflection perfetto esempio di come si possa essere heavy anche senza pestare duro. Come molte altre grandi opere, non necessariamente solo musicali, la forza di Lateralus è nella sua capacità di disturbare, di trasmettere sensazioni nel basso ventre. L'ascolto completo dell'album è a tratti opprimente, ma lo scopo dell'Arte è nel comunicare efficacemente il messaggio che ci si è prefissati, e i Tool ci riescono benissimo.
Non mancano comunque momenti di più immediata presa, come la già citata opener the Grudge e i due singoli Schism e Parabola, canzoni eccellenti e che si imprimono rapidamente nella memoria, ma Lateralus è più che mai un album che necessita di essere considerato nella sua interezza per rivelare il suo incredibile valore. La parola capolavoro viene spesso abusata ma in questo caso è più che mai adatta.

Difficile paragonare i Tool ad altre band. Vengono in mente la lucida follia dei King Crimson, peraltro distantissimi quanto a sonorità, la complessità compositiva unita al ritmo cadenzato degli Opeth e il caos tempistico dei "matematici" del death metal Meshuggah, e poco altro. Senza dubbio i Tool sono una delle band più originali e complesse in circolazione. Contrariamente a quanto il loro vasto successo in termini di vendite potrebbe far pensare, apprezzarli fino in fondo richiede infatti tempo, voglia e pazienza.  Inutile dire che investire nei Tool è ampiamente consigliato.




permalink | inviato da laverita il 1/5/2008 alle 18:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia     aprile        luglio
 


Ultime cose
Il mio profilo



MOTOCLUB TING'AVERT
STEPHEN KING
HOOPSFANFORUM/Toronto Rptors
TRANS-SIBERIAN ORCHESTRA
RAMMSTEIN
MARILLION
AT THE DRIVE-IN
DREAM THEATER
DREDG
KING CRIMSON
MUSE
ORPHANED LAND
QUEENSRYCHE
SETH LAKEMAN
SNOW PATROL
THE FRATELLIS
THE TEA PARTY
THRICE


Blog letto 79403 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom